Crea il tuo rituale!

La vita che ho scelto, il lavoro che ho scelto,
rispettano prima di tutto, i miei ritmi, i miei bisogni, i miei tempi e quelli della mia famiglia, e spesso mi capita di fermarmi con l’intento di ritrovarmi e di risettare il mio equilibrio.

Il mio è un lavoro cucito sulle mie passioni, interiorizzato negli anni, non è solo un lavoro, ma il mio approccio alla vita. Per questo, quello che propongo a te, l’ho sempre sperimentato prima su di me.

Quello che ti chiedo oggi, è di fermarti.

Siamo vicini alla fine dell’anno, a quel momento in cui si tirano un po’ le somme dell’anno che è stato e ci si prepara al nuovo anno piene di buoni propositi.

Oggi, ti chiedo di pensare solo a te per almeno cinque minuti.

Fermati. Assapora il silenzio. Fatti una tazza di the, una cioccolata o qualsiasi altra cosa ti faccia stare bene.

CREA UN RITUALE, che sia tuo, solo tuo, che puoi utilizzare oggi e tutti i giorni dell’anno.

Scegli la stanza della casa che preferisci, accendi un incenso se ti piace, o una candela e mentre lo fai, immagina che il fumo del tuo incenso o della tua candela stiano portando via il peso che senti.

Preparati un the, una cioccolata, una spremuta. Ciò che più ti piace. Coccolati.

Tante penne colorate, e un bellissimo quaderno.

Siediti. E prenditi il tuo tempo.

giulia-bertelli-94235

Prova a chiudere gli occhi, se arrivano dei pensieri pesanti, delle preoccupazioni, immagina un grande filo dove stendere i panni, che sia sul tuo balcone, sul tuo giardino, fuori da casa tua, e immagina di appendere lì le tue preoccupazioni, una ad una.

Quando ti senti più leggera, porta il respiro al tuo cuore. E sogna. Porta nella tua vita tutto ciò che vuoi realizzare senza preoccuparti di come potrebbe realizzarsi. Immaginalo già fatto.

Apri gli occhi. E scrivi sul tuo bellissimo quaderno.
Una parola, una emozione. Qualsiasi essa sia. Senza alcun giudizio.
Un disegno. Imprimi sul foglio i tuoi sogni.
haley-powers-370168
Si tratta di un rituale semplicissimo, che ti porterà via meno tempo di quello che credi e che più farai, più diventerà automatico.
Ti basterà sentire il profumo del tuo incenso preferito per aiutarti a liberare la mente e a sognare.

I rituali sono semplici e potenti: ti aiutano ad attirare ciò che vuoi nella tua vita,

perchè portano con sè l’intenzionalità di prenderti il tuo spazio e di dedicare del tempo ai tuoi sogni e risvegliano una delle 7 leggi che regolano l’universo: la legge dell’attrazione!

Quando hai finito, apri le finestre per qualche minuto così che il fumo della tua candela o del tuo incenso escano, lasciando la tua casa fresca e purificata.

E se hai voglia, vienimi a raccontare come è andata con il tuo primo rituale!

Quello che devi sapere riguardo i Tarocchi

Oggi voglio parlarti di uno strumento che utilizzo moltissimo nella mia vita e nel mio lavoro: i Tarocchi.

In questo post voglio raccontarti tre cose fondamentali riguardo i Tarocchi, che ti aiuteranno a capirne meglio il funzionamento e il potenziale e a non averne paura.

tarocchi

Leggere i tarocchi significa utilizzare una tecnica di introspezione basata sulle immagini, immagini in cui sono racchiusi simboli, numeri, archetipi/forme pensiero della psiche umana, che ci mettono subito in connessione con il nostro intuito.

Sfatiamo subito alcuni falsi miti!

Primo mito da sfatare:

i Tarocchi non leggono il futuro, ma ci danno una risposta in funzione del momento che stiamo vivendo e dell’energia che sprigioniamo nel momento della lettura.  Quindi, ci palesano la direzione che stiamo prendendo, ci danno un’indicazione sulle energie che stiamo smuovendo dentro di noi, ma qualunque risposta si può modificare nel tempo! Per fortuna c’è il libero arbitrio!

cathal-mac-an-bheatha-208192

Ogni carta va analizzata con il cuore. Paradossalmente, meno sai di un mazzo, con la mente razionale, più ti sforzerai ti sentirlo, di ascoltare la sua voce!

Secondo mito da sfatare:

Tarocchi non hanno niente a che fare con la magia nera! e non hanno il potere di portare malefici o eventi terribili nella vostra vita.

Ricordati però, della Legge dell’Attrazione dell’Universo: tutto ciò che pensi lo porti nella tua vita! Se leggerai i Tarocchi con paura, sarà quella l’energia che attirerai e porterai nella tua vita. Ma questo non vale solo per le carte, ma per tutto ciò che ti circonda e qualsiasi pensiero tu faccia! Quindi, da oggi, se già non lo fai, ricordati di volgere tutti i tuoi pensieri al positivo! Come? Continua a seguirmi, te ne parlerò nei prossimi post!

Terzo miti da sfatare:

leggere i Tarocchi non è un dono. Certo, c’è chi è più portato alla lettura per immagini e chi meno,  ma non sono per pochi eletti. Tutti noi possiamo leggerli, proprio perchè gli archetipi, le forme pensiero, vivono dentro ognuno di noi.

Coltivare l’intuito però è una questione di coraggio, significa imparare a mettersi in ascolto della propria anima autentica, avere fiducia nei proprio sentimenti e sensazioni, imparare a mettersi in ascolto del proprio cuore.

Ed è questo il mio lavoro. Allenarti a vibrare dell’energia dei sogni, della tua energia autentica. Non al di fuori di te, ma dentro di te.

Un corpo che sta bene, un’anima centrata e ritrovata, è un’ottima casa per l’intuito!

Fai il primo passo verso il tuo intuito!

natalie-collins-177075

 

Il Reiki: l’inizio del mio cambiamento

Se ti è capitato di leggere la mia formazione , sai già di quanto l’incontro con questa pratica di guarigione naturale, mi abbia cambiato la vita.

In questo post, ti ho raccontato del suo dono di equilibrio e ti ho spiegato di cosa si tratta.

Oggi, invece, voglio raccontartelo attraverso la mia storia.

Per me è stato il primo gradino di una lunga scala che sto ancora percorrendo, uno scalino alla volta, e che non so dove mi porterà, ma il primo vero gradino verso una consapevolezza diversa, verso la nuova Me.

La prima a parlarmene è stata mia madre nel 2009, lei che ha combattuto tanti anni contro il tumore, e che stava cercando una via diversa, terminate tutte le cure mediche efficaci a disposizione e considerata terminale.

Mia madre è mancata nel dicembre 2012, ben oltre tutte le aspettative mediche, affiancando i trattamenti Reiki alle chemio e radioterapie.  Oltre ad essere trattata con costanza, oltre alla meditazione e ad altre tecniche di guarigione naturale, decise di diventare operatrice Reiki, fino a prendere il secondo livello.

Il mio primo trattamento, ancora scettica, l’ho ricevuto da mia madre.

Lei che era sempre stata una donna tutta d’un pezzo, senza troppi grilli per la testa, e che in poco tempo stava cambiando così velocemente. Non so se sia stato il Reiki o il contatto che questa pratica ti porta ad avete con te stesso, ma è cambiata così profondamente negli ultimi due anni, da mettere in discussione tutto e ritrovarsi a dirmi che nonostante la malattia erano gli anni più belli della sua vita, quelli in cui aveva vissuto davvero.

Sono diventata operatrice Reiki nel 2014, e secondo livello nel 2015 e Master nel 2017,  in un ciclo bellissimo iniziato concluso con mio marito, e grazie a Tiziana, la stessa Master di mia madre, una figura importantissima per me, una guida, una mamma.

È una pratica che sento nel cuore. Ci sono legata. Non ho bisogno più di chiedermi il perché o il percome, non ho bisogno di una prova scientifica per sapere quanto bene mi fa riceverlo e donarlo. È come se una parte di me sapesse che mi è stato tramandato da mia madre in tutte quelle volte che l’ho ricevuto da lei e che l’unica cosa di cui ho bisogno quando faccio un trattamento è affidarmi, semplicemente sentire e avere fiducia. Rimanere in ascolto.

Se vuoi saperne di più, semplicemente contattami !

brigitte-tohm-69300