Menu Chiudi

LAVORARE CON LE DONNE: TEAM DI FREELANCE

lavorare-con-le-donne

Come organizzarsi al meglio?

Sempre più spesso mi capita di gestire o di relazionarmi con team al femminile, ma sappi che lavorare con le donne in un team di freelance autonome, potrebbe essere complicato, se non affronti con il giusto spirito le dinamiche peculiari dell’approccio al lavoro.

Essere freelance, come ti dico sempre, non vuol dire lavorare da sola, ma, piuttosto, saper instaurare relazioni di valore con altri professionisti. Il valore aggiunto, deriva spesso dal fare rete e dal supportarsi reciprocamente e alla pari (proprio come facciamo noi di #lofacciodigital, scopri il nostro progetto).

Lavorare con le donne in team

Ho lavorato per tantissimi anni anche in ambiente maschili, e con la parola ‘maschile’ non intendo solo un genere, un sesso di appartenenza, ma un’energia direttiva, che molto spesso (non sempre ovviamente) ha qualcosa di poco di accogliente. 

Già nel 2011 con i primi studi in ambito olistico ho iniziato a vivere una vita divisa in due: da una parte una realtà veloce, fatta di numeri, richieste continue, priorità irreali, dall’altra una realtà fatta di donne per le donne, accoglienza intesa come ascolto e predisposizione verso le emozioni. 

Se dapprima il vivere realtà completamente femminili mi ha messa molto alla prova, nel tempo è diventata la mia zona di comfort, il mio spazio sicuro, e la realtà lavorativa che amo di più.

Ognuna di noi, ogni individuo è fatto di energie femminili e maschili contemporaneamente, più o meno sviluppate, più o meno in equilibrio, imparare a leggere nell’altro la sua energia e a riconoscere la propria è un grandissimo punto a favore del lavoro in team, specialmente se sei donna.

Uno strumento di grandissima comprensione di me stessa , oltre alla psicoterapia, è stata la mappatura del mio ciclo mestruale, l’imparare a conoscere e riconoscere 4 ritmi dentro di me che si susseguono di mese in mese e attraverso le stagioni, e non solo dentro di me.

La donna è ciclica

La donna è ciclica per definizione, è un andamento continuo, una spirale che influisce sull’umore e sul fisico e oggettivamente anche sulla produttività lavorativa. 

Se nel 2017 con i miei studi in ambito olistico mi sono imbattuta per la prima volta in questo discorso, ho proseguito con diverse formazioni, fino ad accompagnare altre donne alla scoperta della loro energia ciclica, tanto da creare una vera e propria formazione di gruppo durante la pandemia, in tre edizioni, di cui l’ultima si è terminata a luglio 2021. 

Perché ti racconto la mia esperienza con i team di donne?

Perché credo che lavorare con le donne sia meraviglioso, ma imponga delle riflessioni. Di fatto, la consapevolezza dei miei limiti e dei miei punti di forza, abbinata ad una buona conoscenza di diverse dinamiche ancestrali in ambito femminile (negli anni ho approfondito molto tematiche relative agli archetipi femminili), mi aiuta sempre moltissimo nel lavoro di team.

lavorare-con-le-donne

Cosa bisogna fare per lavorare bene insieme?

Per lavorare bene insieme in un team di donne, innanzitutto occorre:

  • dare una chiave di lettura senza giudizio, fondamentale soprattutto nell’evitare conflitti;
  • prediligere sempre una comunicazione efficace;
  • stabilire regole e confini è sempre una buona pratica;
  • prendere le misure da ciò che è privato e quello che è lavoro. 

Consigli pratici per lavorare bene con le donne

1. Comunicare

Comunicare è la parola d’ordine se lavori con altre donne. Non lasciare cose sospese, e non dette. E anche rispetto al comunicare, io ho scoperto osservando la mia ciclicità, che comunico in maniera assolutamente diversa a seconda della fase in cui sono. 

2. Patti chiari

Amicizia e lavoro possono andare di pari passo solo se i patti sono chiari fin dall’inizio. Quando si mischiano soldi e amicizia se il confine non è ben definito le cose si possono complicare. 

3. Amicizia e lavoro, se sei freelance

Se sei libera professionista, spesso quando parti con i tuoi servizi, le prime a volerli provare, ad avere bisogno di te sono proprio le tue amiche.

Attenzione: non lavorare gratis in nome della vostra amicizia. Sembrerà un discorso un po’ stronzo ma ti assicuro che è una tutela!

Se sei libera professionista e acquisti un servizio da una tua amica libera professionista, assicurati di decidere quale sarà la moneta di scambio: denaro, scambio servizi, qualunque cosa purché renda felici e appagate entrambe in egual misura. 

Scegli una modalità che divida amicizia e lavoro: io per esempio mi occupo di consulenza di comunicazione per molte amiche, ma sto ben attenta a dividere i momenti di lavoro dai momenti di cazzeggio. Lavoro esclusivamente online e questo vale anche se la consulenza è per un’amica o collega: niente aperitivi di lavoro perché finiremmo per non fare bene né lavoro né il cazzeggio. 

4. Prevedi dei momenti di cazzeggio con il team

Naturalmente i momenti di divertimento e condivisione non devono mancare: sono fondamentali per creare armonia nel gruppo, e dar modo a tutte di conoscersi anche in contesti diversi da quelli professionali.

5. Fuori dal lavoro non si parla di lavoro

Come è successo per #lofacciodigital, se sei libera professionista spesso le tue amiche freelance, se hanno lavori affini al tuo, diventano le tue colleghe, la tua rete di supporto e tu per loro (scopri anche i nostri servizi).  Al crescere del team, può diventare sempre più sfidante mantenere rapporti sereni, specialmente online, dove non è mai chiaro il tono, e dove sembriamo sempre tutte di fretta. 

Al crescere dei progetti in comune ancora di più diventa sfidante: tante cose da ricordare, una azione concatenata all’altra, ognuna di noi con la sua parte. 

donne-che-lavorano
Come creare il team perfetto?

6. Abbi fiducia e molla il controllo

Se lavori in team devi assolutamente mollare il controllo e avere fiducia nelle capacità delle persone che hai al tuo fianco, nella loro parte di responsabilità nei confronti del lavoro comune (come delegare il lavoro se sei libera professionista?).

7. Lavorare con le donne… giuste!

So che sembra difficile, ma lavorare con le donne non vuol dire non scegliere: occorre scegliere la persona e anche la professionista. Il consiglio è di preferire donne con i tuoi stessi valori: non puoi lavorare in team con chi non ha i tuoi stessi valori, o almeno che abbiano una mission e una vision che comprendi, anche se diverse dalla tua. 

8. Stima e autostima

Quando sei freelance l’autostima e il valore sono fondamentali, lo sai (Diventa difficile lavorare in team se non hai stima delle persone con cui lavori e se così fosse ti assicuro che gli equilibri diventano instabili in fretta.

La forza del gruppo

Proprio pochi giorni fa ho lanciato la mia masterclass per libere professioniste, perché credo nella forza dei gruppi e dei team al femminile. Nei miei percorsi di coaching ti aiuto anche a focalizzarti sulla potenza delle collaborazioni, e del fare rete, ma poi tocca a te metterci del tuo! Cosa ne pensi? Sei già iscritta alla mia newsletter?